- IMPLANTOLOGIA DENTALE Brescia -

Cura delle Edentulie: Impianto Singolo - Impianti Multipli - All-On-4 - All-On-6 - Toronto-Bridge

DENTISTA Brescia

STUDIO DENTISTICO Dr. Scala

Dr. Antonio Scala, DDS MSc
Patologia, Medicina, Chirurgia & Estetica Orale/Periorale
Studio Dentistico Brescia
Chiama: +39.030.291495
Consulta adesso le indicazioni../Contatti.htmlshapeimage_3_link_0
 

L’Implantologo e l’Implantologia Orale:


Chi è l’Implantologo? Qual’è il Suo curriculum formativo? Che cos’è esattamente l’Implantologia Orale e l’Implanto-Protesi Dentale? In cosa consiste? Quando e perché si deve fare? Come la pratichiamo in questo Studio Dentistico di Brescia?


L’Implantologia Dentale è la branca dell’odontoiatria che studia le edentulie parziali (perdita o assenza di uno o più denti) o totali (perdita o assenza di tutti i denti di una o entrambe le arcate mascellari) e che si propone di riabilitarle mediante impianti dentali (viti in titanio inserite chirurgicamente nell'osso, mandibolare e/o mascellare, al fine di permettere la connessione di protesi, fisse o removibili) finalizzati al ripristino della funzione dell’organo masticatorio.


L’Implantologo è un medico-odontoiatra che, dopo aver approfondito  gli studi (attraverso corsi di perfezionamento e/o master universitari) e maturato una significativa esperienza clinica in implantologia, tratta le edentulie parziali e totali attraverso l’impiego di tecniche chirurgiche [i.e.: tecniche di inserimento della vite endo-ossea] e protesiche [i.e.: tecniche di protesizzazione a carico immediato o differito, precoce o ordinario].

Vantaggi e svantaggi dell'implantologia


Vantaggi


  1. 1.L'impianto sostituisce i denti mancanti senza limare quelli naturali.

  2. 2.Nel caso di mancanza di molari, permette di evitare il fastidio delle protesi mobili (protesi scheletrata o protesi parziale in acrilico).

  3. 3.Sui denti anteriori, se posizionati subito dopo l'estrazione di radici (impianti post-estrattivi), evitano lo spiacevole effetto estetico del riassorbimento osseo che genera un allungamento clinico del dente che si va a sostituire.


Svantaggi


  1. 1.Oggi, il costo di un impianto di qualità non è ancora basso. Tuttavia, se si considera il costo di un ponte fisso, per sostituire un dente con un sistema tradizionale, alla fine c'è equivalenza economica, se non addirittura risparmio.

  2. 2.Eccezion fatta per i casi eleggibili al “carico immediato” o al “provvisorio immediato”, seppur i tempi d’esecuzione generali degli impianti oggi sono diminuiti, questi non sono ancora brevissimi: un minimo di 3-4 mesi per l’arcata inferiore e 4-6 per quella superiore, il tempo necessario per il processo di integrazione dell’impianto all’osso. Diciamo che la ricerca è tutta rivolta ad accorciare i tempi d’integrazione e permettere una risoluzione rapida de trattamento.



Procedure Cliniche di Implantologia Orale presso il nostro Studio Dentistico di Brescia


Indipendentemente dalla tipologia di approccio implantare prescelto e/o concordato col paziente (“Implantologia a Carico Immediato”, “Implantologia a Protesi Immediata”, “Implantologia a Carico Differito”, “Implantologia a Carico Precoce”; oppure “Implantologia Dentale Singola”, “Implantologia Dentale Multipla”, “Riabilitazione Implanto-Protesica All-On-4”, “Riabilitazione Implanto-Protesica All-On-6” - “Riabilitazione Implanto-Protesica All-On-8”, ecc.), le procedure cliniche di realizzazione di una riabilitazione implantologica dentale si dividono in 5 fasi ben precise. Ciò che varia nei diversi approcci clinici sono i tempi con cui vengono realizzati. Ad esempio, nel carico differito l’intera procedura implantare solitamente si completa nell’arco di un’anno circa, mentre ove si adotti un approccio a carico immediato o protesizzazione immediata, i tempi si contraggono in 2-3 giorni. Ma vediamo quali sono gli steps da realizzare in ogni caso.


1. Fase Pre-Chirurgica Implantare

Prima di ogni intervento, il paziente eleggibile alla terapia implantare viene scrupolosamente visitato e informato su tutto quanto riguarda le procedure sia chirurgiche sia protesiche che verranno eseguite. Il Dott. Antonio Scala si cura di spiegare dettagliatamente il procedimento prescelto e di specificare il numero e la posizione degli impianti da inserire.

Si esegue:

  1. -Studio del Caso e Progettazione Digitale Computer Assistita (“Implantologia Digitale”).

  2. -Realizzazione di Dime Radiologiche e/o Chirurgiche per guidare la fresa pilota (“Implantologia Computer-Assistita”) o l’intera procedura chirurgica incluso l’inserimento dell’impianto (“Implantologia Computer-Guidata”).

  3. -Anamnesi (viene raccolto un’accurato resoconto della storia fisica e mentale del paziente, curandosi di investigare tutte le precedenti reazioni allergiche o reazioni a medicinali, alimenti, punture d’insetti, polvere, pollini, anestetici, malattie del sangue e del corpo, reazioni delle gengive o della pelle, sanguinamento abnorme e qualsiasi altra condizione riferita alla salute del candidato chirurgico ai fini della quantificazione e qualificazione del rischio medico).

  4. -Esame clinico delle condizioni fisiche generali (si raccolgono i valori dei parametri vitali principali ai fini della quantificazione e qualificazione del rischio medico).

  5. -Informazioni complete sulle alternative all’implantologia dentale e sulle procedure implantologiche e implanto-protesiche prescelte per il caso di specie.

  6. -Prescrizioni pre-chirurgiche (farmaci e norme da adottare prima dell’intervento)


2. Fase Chirurgica Implantare

Anzitutto viene raccolto il Consenso Informato al trattamento chirurgico programmato.

Poi, il paziente viene preparato opportunamente dal punto di vista psico-fisico mediante un appropriato utilizzo di farmaci pre-anestetici in grado di rendere la procedura chirurgica ben tollerabile, sì da vivere l’esperienza chirurgica nel modo più sereno possibile. A tal fine, si può decidere di ricorrere anche tecniche anestesiologiche specifiche, come la sedazione vigile (o analgesia sedativa) farmaco-indotta o l’anestesia generale, grazie all’assistenza di un medico-anestesista specializzato.

L’intervento vero e proprio consiste ,poi, nel praticare in bocca delle incisioni al fine di inserire nel osso mascellare superiore e/o inferiore una o più strutture di titanio (impianti endossei e/o osteointegrati) per servire da ancoraggio per uno o più denti mancanti o per fissare una corona, una protesi totale o un ponte.

In caso di scarsa quantità di osso verticale/orizzontale nella sede impiantare da operare, potrebbe essere operata una modificazione plastica (osteoplastica) dell’osso che deve ospitare il/gli impianto/i (mediante osteotomi) e/o una rigenerazione ossea guidata (con materiale biocompatibile, membrane e sistemi di fissazione delle stesse).

Ai fini del rischio medico, del rischio chirurgico, delle esigenze/richieste del paziente e/o della migliore gestione chirurgica possibile, l’equipe medica potrebbe ritenere necessario (o aver preventivamente concordato col candidato):

  1. -la somministrazione di agenti ansiolitici, anestetici e/o analgesici;

  2. -la somministrazione di medicamenti per via orale, per iniezione, per infusione o con altre modalità di somministrazione idonee;

  3. -l’esecuzione di procedure radiologiche o altri interventi a carattere diagnostico intra-operatorio.


3. Fase Post-Chirurgica Implantare

Al termine di ogni intervento, il paziente dovrà impegnarsi per tutto il periodo post-operatorio (mediamente 2 settimane) a seguire i protocolli terapeutici domiciliari post-chirurgici prescritti dal medico; e che prevedono:

  1. -l’assunzione di una terapia farmacologia sistemica (antibiotica e/o anti-infiammatoria) e topica (collutori antimicrobici);

  2. -l’adozione di una dieta appropriata (liquida, semiliquida e/o morbida) che riduca al massimo i movimenti dei muscoli masticatori (per evitare il rischio di apertura della ferita da trazione);

  3. -l’astensione assoluta da fumo, alcol ed eccessive quantità di zucchero (queste sostanze possono influire negativamente sulla guarigione della gengiva e sono in grado di limitare le possibilità di successo dell’impianto);

  4. -l’adozione di norme igieniche domiciliari e di protocollo di mantenimento (anche con l'uso di spazzolini interprossimali,  filo interdentale, colluttori e quant’altro prescritto dal dentista) fondamentali per il mantenimento e la durata della riabilitazione;

  5. -una serie di visite periodiche di controllo cui sottoporsi regolarmente;

Una volta che l’impianto è stato inserito, è strettamente raccomandato che l’intero piano di trattamento dentale, specialmente l’igiene personale, sia seguito e completato secondo lo schema previsto.

Se lo schema non viene fedelmente e scrupolosamente seguito, l’impianto può non andare a buon fine.


4. Fase Pre-Protesica

La durata dell’attesa prima di poter passare alla fase protesica solitamente dipende dal tipo di approccio implanto-protesico prescelto o resosi necessario per la migliore riabilitazione possibile del caso di specie.

Generalmente, prima di inserire nell’impianto i monconi protesici e di cementare la corona, la dentiera o il ponte su impianti, i tempi di attesa sono di:

  1. -[0 - 72 ore]: in caso di Implantologia a Carico Immediato (o Provvisorio Immediato) (in questo caso, gli impianti saranno usati a partire dallo stesso giorno fino a un massimo di 2-3 giorni successivi all’intervento; e non è previsto un secondo intervento chirurgico per scoprire le viti endoossee impiantate);

  2. -[3-4 mesi]: in caso di Implantologia a Carico Differito Precoce (in questo caso, lo/gli impianto/i rimarrà/anno coperto/i sotto il tessuto gengivale per almeno 3-4 mesi prima di potere essere usato/i ed è previsto un secondo intervento chirurgico per scoprire la/e vite/i endoossea/e impiantata/e);

  3. -[4-6 mesi]: in caso di Implantologia a Carico Differito Ordinario (in questo caso, lo/gli impianto/i rimarrà/anno coperto/i sotto il tessuto gengivale per almeno 4-6 mesi prima di potere essere usato/i ed è previsto un secondo intervento chirurgico per scoprire la/e vite/i endoossea/e impiantata/e).


5. Fase Protesica

Prevede:

  1. -Impronta per Porta Impronte Individuale: per la realizzazione di un cucchiaio anatomico fondamentale per la fase successiva.

  2. -Impronta di Precisione: realizzata dopo aver posizionato un “transfert” che permette il trasferimento della posizione esatta dell’impianto al laboratorio che dovrà realizzare la protesi.

  3. -Protesizzazione Provvisoria: dapprima si fissano nelle sedi implantari i monconi realizzati in laboratorio; subito dopo si cementano i manufatti protesici provvisori sopra i monconi.

  4. -Protesizzazione Definitiva: si realizzano e si cementano sugli impianti i manufatti definitivi, che possono essere realizzati in metallo-ceramica, metallo-composito, metallo-resina, zirconia, ecc.





In evidenza per i visitatori:

Impianto dentale di 44 con contestuale Plastica a Espansione Ossea Orizzontale del Segmento Mandibolare Edentulo [=senza dente] e Atrofico [=di volume ridotto) con Atrofia di Grado III.

Appoggia il cursore sulle immagini per la presentazione

Il Dr. Scala è qualificato per esercitare in Italia e all’Estero le seguenti attività in ambito odontostomatologico:

ATTIVITÀ PROFESSIONALI

DEL DR. SCALA:

NOTIZIE EVENTI SCIENTIFICI IN EVIDENZA:

PROSSIMAMENTE:

Per consultare tutti gli Eventi Scientifici e Culturali cui il Dr. Scala ha dato contributi, fai click qui sotto:

  1. 26-27 Nov. 2010:

  2. MILANO [Odonto]

  3. Congresso IV Expò d’Autunno

RECENTI:

Corsi, Convegni, Congressi, Eventi Culturali e Manifestazioni Scientifiche cui il Dr. Scala ha fornito contributi.

  1. 6 Novembre 2010:

  2. PALERMO [Estetica]

  3. I Congresso Regionale SIED Sicilia

  1. 16 Ottobre 2010:

  2. BERGAMO [Igiene]

  3. Congresso Regionale UNID Lombardia

  1. 12-13 Marzo 2010:

  2. ROMA [Estetica]

  3. I Congresso Nazionale SIED

  1. 19-20 Marzo 2010:

  2. BOLOGNA [Odonto]

  3. XIV Congresso Nazionale COI-AIOG

  1. Corso di Estetica del Sorriso

  2. BRESCIA

  3. 5 Novembre 2011

  1. 7 Maggio 2011:

  2. STRESA [Odonto]

  3. Congresso Expo-ANTLO

SIED Lombardia

Società Italiana di Estetica Dentale

Regione Lombardia

ASSOCIAZIONI SCIENTIFICHE  IN EVIDENZA:

Lo Studio Dentistico di Brescia è qualificato per assisterTi nelle seguenti discipline odontostomatologiche:

ATTIVITÀ DI CLINICA ODONTOIATRICA:

SERVIZI ODONTOIATRICI

IN EVIDENZA:

In questo Centro Odontoiatrico  di Brescia sono attivi anche i seguenti Servizi di Odontoiatria Specialistica:

Per consultare tutti i Servizi dello Studio Dentistico di Brescia, fai click qui sotto:

Cerchi un Dentista a Brescia, in Lombardia e/o in Italia aperto nel mese di Agosto?


Rivolgiti al Tuo Dentista a Brescia:

Dr. Antonio Scala

Competenza, Qualità e Professionalità!

  1. Consulenze Scientifiche

  1. Consulenze Cliniche

  1. Consulenze Medico-Legali

  1. Consulenze Forensi in Tribunale

  1. Consulenze Assicurative

  1. Ricerca Scientifica

  1. Attività Forense

  1. Comunicazione e Formazione

  1. Organizzazione Istituzionale

  1. Organizzazione Eventi Scientifici

  1. Consulenze Aziendali

  1. Attività Didattica